Istituto Figlie di San Camillo

L’Ospedale M. G. Vannini, sede di DEA (Dipartimento di Emergenza ed Accettazione) di I livello, opera nella rete territoriale dell’assistenza regionale. Il Sistema di Gestione della Qualità dell’Ospedale soddisfa i requisiti previsti dalla norma UNI EN ISO 9001:2015. La Regione Lazio ha rilasciato all’Ospedale l’Autorizzazione all’Esercizio e l’Accreditamento definitivo dal 28 luglio 2015 con DCA n. 355. Il personale sanitario dell’Ospedale ispirandosi al binomio “scienza nuova carità antica” è orientato all’umanizzazione dell’assistenza al malato e, attraverso il continuo sviluppo della propria professionalità e grazie all’elevata tecnologia delle attrezzature diagnostico-terapeutiche di cui dispone, assicura elevati livelli qualitativi delle cure prestate.

inf.vannini@figliesancamillo.it

Via di Acqua Bullicante, 4

00177 - Roma (RM)

inf.vannini@figliesancamillo.it

Via di Acqua Bullicante, 4

00177 - Roma (RM)

Comitato Infezioni Ospedaliere (CIO)

 

Dall’ottobre del 2001 è stato attivato il Comitato per il Controllo delle Infezioni Ospedaliere (CIO), sotto la responsabilità della Direzione Sanitaria e il coordinamento del dr. Claudio Santini. Il CIO è composto dalla dott.ssa Maura Moreschini (Direttore Sanitario), dal dott. Claudio Santini (Coordinatore), dal Direttore del Dipartimento di Emergenza e Accettazione, dai Direttori e dalle Caposala delle U.O.C. di Anestesia e Rianimazione, Chirurgia Generale, Ortopedia e Traumatologia, Ginecologia e Ostetricia, Medicina Generale, Medicina d’Urgenza e OBI, Cardiologia con UTIC, Laboratorio di Patologia Clinica e dall’Infermiera Epidemiologa Loredana Emili.

Il CIO si prefigge i seguenti obiettivi:

  • ridurre il numero di Infezioni Ospedaliere prevenibili nei pazienti ricoverati;
  • garantire una sorveglianza attiva e mirata, intesa come raccolta continua di informazioni, analisi dei dati, elaborazione di interventi correttivi e valutazione dei risultati;
  • monitorare l’andamento delle Infezioni Ospedaliere;
  • individuare eventuali outbreaks microepidemici;
  • monitorare la diffusione di microrganismi multi – antibiotico resistenti all’interno dell’Ospedale;
  • controllare il consumo degli antibiotici, anche attraverso la scelta di schemi di profilassi antibiotica perioperatoria e di trattamenti antibiotici empirici;
  • scegliere ed elaborare strategie di lotta contro le infezioni;
  • proporre alla Direzione e al Personale tali strategie;
  • controllarne e valutarne l’attuazione;
  • curare la formazione specifica del personale medico, infermieristico, tecnico e della riabilitazione.
CUP