Istituto Figlie di San Camillo

L’Ospedale M. G. Vannini, sede di DEA (Dipartimento di Emergenza ed Accettazione) di I livello, opera nella rete territoriale dell’assistenza regionale. Il Sistema di Gestione della Qualità dell’Ospedale soddisfa i requisiti previsti dalla norma UNI EN ISO 9001:2015. La Regione Lazio ha rilasciato all’Ospedale l’Autorizzazione all’Esercizio e l’Accreditamento definitivo dal 28 luglio 2015 con DCA n. 355. Il personale sanitario dell’Ospedale ispirandosi al binomio “scienza nuova carità antica” è orientato all’umanizzazione dell’assistenza al malato e, attraverso il continuo sviluppo della propria professionalità e grazie all’elevata tecnologia delle attrezzature diagnostico-terapeutiche di cui dispone, assicura elevati livelli qualitativi delle cure prestate.

inf.vannini@figliesancamillo.it

Via di Acqua Bullicante, 4

00177 - Roma (RM)

inf.vannini@figliesancamillo.it

Via di Acqua Bullicante, 4

00177 - Roma (RM)

Fiocchi in ospedale

Fiocchi in ospedale

BAMBINI SI NASCE, GENITORI SI DIVENTA

 

Lunedì 20 novembre 2017, nella giornata dedicata ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, l’Ospedale Madre Giuseppina Vannini ha aderito al progetto “Fiocchi in Ospedale” attivando presso l’unità operativa di Ginecologia ed Ostetricia un punto di ascolto per l’orientamento, la presa in carico e il sostegno ai neogenitori in condizione di particolare fragilità sociale ed economica al fine di migliorarne il benessere del nucleo familiare. Il progetto, promosso dalla Organizzazione Non Governativa (ONG) “Save the Children” in collaborazione con Asinitas Onlus, interviene anche per prevenire casi di maltrattamento e abuso, per segnalare e affrontare situazioni di disagio sociale e socio-economico e per contribuire a migliorare le competenze e le reti di sostegno dei genitori e ridurre condizioni di isolamento e incertezza nelle quali si possono trovare. Il progetto si pone anche il fine di rafforzare la collaborazione tra il reparto di Ostetricia, la Neonatologia del Vannini e i servizi territoriali proprio per assicurare alle neomamme e agli stessi neonati che vivono situazioni di fragilità una risposta più adeguata possibile ai loro bisogni socio-assistenziali. Il punto di ascolto è aperto a tutte le mamme e in particolar modo alle mamme sole, giovani, straniere, in condizioni di povertà e di emergenza abitativa, con tossicodipendenze, sottoposte a sfruttamento ed abuso. Il supporto assicurato alle neomamme in situazione di fragilità prevede, inoltre, un sostegno materiale attraverso la distribuzione gratuita di pannolini, accessori e prodotti per la cura del neonato con l’obiettivo, concordato con la famiglia, di migliorare le condizioni di benessere del bambino e tutelare i suoi diritti primari.

Alla presentazione, svoltasi presso l’Aula Magna della Scuola che ospita il Corso di Laurea in infermieristica dell’Istituto Figlie di San Camillo, erano presenti gli operatori sanitari, l’Alta Direzione dell’Ospedale Vannini, le Operatrici di “Save the Children” e dell’associazione partner ASINITAS Onlus nonchè molte mamme e bambini, veri protagonisti del Progetto. Particolarmente gradita è risultata la partecipazione attiva di una mediatrice araba e di una mediatrice bengalese per il servizio di traduzione garantito per le tante mamme straniere intervenute all’evento. Nel corso della presentazione si sono susseguiti gli interventi del Dirigente Coadiutore del Direttore Generale dell’Ospedale Vannini dott.ssa Tiziana Bianchi, del Direttore Sanitario dell’Ospedale Vannini dott.ssa Maura Moreschini e del Direttore della UOC di Ginecologia ed Ostetricia del Vannini dott. Michelangelo Boninfante nonchè quello della dott.ssa Francesca Romana Marta in qualità di Coordinatrice del Progetto per Save the Children e della Responsabile Asinitas Behts Ampuero. Alla presentazione ha presenziato la Superiora Generale dell’Istituto Figlie di San Camillo Madre Zelia Andrighetti accompagnata dalle Consigliere suor Rosanna Priore, suor Flor Barreda, suor Lancy Ezhupara e suor Sabine Zida.

FIOCCHI IN OSPEDALE IN SINTESI

DOVE: Ospedale Madre Giuseppina Vannini, Via di Acqua Bullicante 4, 00177 Roma.

QUANDO: servizio aperto tutti i giorni lavorativi della settimana, dalle 13:30 alle 15:30.

COSA: supporto e mediazione linguistica-culturale per la comunicazione dentro e fuori dall’Ospedale, accoglienza e ascolto prima, durante e dopo la degenza in ospedale, incontri e confronti tra genitori e futuri genitori, sostegno diretto alle famiglie in difficoltà (materiale, sociale, emotiva, psicologica).

PERCHÉ: per offrire ai genitori fin dalla gravidanza uno spazio di ascolto, supporto, accoglienza e incontro, accompagnamento.

CHI: il progetto è realizzato da Save the Children in collaborazione con Asinitas onlus.